...il vento, le onde e le montagne, sono sempre dalla parte dei navigatori e scalatori pi¨ abili.



 BASEITALIA  O.N.L.U.S 

Alpinismo

B.A.S.E. Jump

Delta e 
Parapendio


Manuali

Nautica 

Paracadutismo
in alta Montagna


Paracadutisti 
Trentini

Rassegna stampa/TV

Sci alpinismo

Web master
Bepi Hoffe
r





 

Isola
di
Oinoussa

Mandraki
l'isola Ŕ situata a circa un miglio a est della punta nord dell'isola di Khios. Bassifondi e irti scogli la proteggono il porto da tutti i venti - Isola bella e tranquilla dove il tempo si dilata dando pi¨ vita all'uomo.

 
              

10 aprile 2009 -

Il paesino apparentemente insignificante, ha dato i natali alle pi¨ potenti dinastie di armatori Greci. Grandi ed eleganti ville, un tempo dimora  di magnati  sparsi per il mondo, sono state rinfrescate abbellendo il lungomare dando rinascita all'isola. Pare  che gli armatori greci, controllino una flotta dal tonnellaggio pari a quello di tutti i Paesi dell'Unione Europea messi insieme. Il primo di questi armatori  Ŕ  Costa Lemos nato qua, la sua ricchezza supera anche quella di Niarchos e Onassis.

 Provenienti dalla Turchia siamo giunti a Mandraki, dopo esserci fermati a Khios per rifornimento di gas e la saldatura di un cavo coassiale, seconda antenna  della radio SSB, per la ricezione in digitale dei messaggi DSC. Il periodo cade in quello della Pasqua, trascorriamo serenamente queste giornate queste giornate primaverili, prive di stess, pensando ai nostri cari. Restiamo in attesa di una finestra meteo che ci dia le condizioni di vento adatte a salire verso nord all'isola di Lesvos, questo contribuisce sempre a escludere di pensare se partire o no, dando a se stessi e alla coppia la consapevolezza di non aver altro da fare che aspettare tranquillamente.
Vento a ponente, chi salpa dalla riva se ne pente.

...sen partidi da Alachati en Turchia e, dopo en po de ore de navigazion, aven butÓ l'ancora. No l'era na gran bela baia ma l'era sicura, ben riparada dal vent..el fondo l'era bon "tegnidor", se sentiva tant silenzio. Aven dormý tuta la not senza svegliarne, che per mi no lŔ cosý fazil. Stamatina, dopo aver fat .colazion, ho tirÓ su le vele e ciapÓ la giusta direzion. Fisciava el vent e ghera en bel p˛ de onde. I sbuzi i arivava sui vedri che ripara el "pozzetto", lý dove sen noi che vardan fora. An zerto moment, vardando tra le goze sui vedri, vedo qualcos dei bianc, -sarÓ en gruppo de boe de segnalazion - ma le se moveva. Me alzo en pŔ, zerco de ripararme i oci per veder meio. L'era na trentina de cicogne en formazion. Le volava, a zinquanta schŔi dal'acqua, a na velocitÓ, che nÓ lasÓ poc temp per vardarle. Le ha cambia formazion e dopo en p˛ no le ho pu viste...Anca nela vita pol suzeder - che na roba bela la scompare- ma come le cicogne la continua a volar  -  anca le robe bele dela vita le pol tornar.-
Anca mi ades, vago a dormir content....
           Turchia - Efeso                    Diario di bordo            Isola di Lesvos - Mytilene