...il vento, le onde e le montagne, sono sempre dalla parte dei navigatori e scalatori pi¨ abili.



 BASEITALIA  O.N.L.U.S 

Alpinismo

B.A.S.E. Jump

Delta e 
Parapendio


Manuali

Nautica 

Paracadutismo
in alta Montagna


Paracadutisti 
Trentini

Rassegna stampa/TV

Sci alpinismo

Web master
Bepi Hoffe
r





 

 

B.A.S.E. Jump Italia

Incidente la Brento  13 Ottobre 2002

Rapporto:

Situazione Meteo: Il cielo era sereno, sulla parete era presente una nube orografiaca  (nebbia) determinata dalla presenza di umiditÓ nell,aria e irradiazione solare nelle prime ore del giorno sulla parete est, calma di vento.

Un Jumper Croato decide di effettuare il salto. La sua caduta Ú abbastanza instabile tanto da non favorire in seguito una efficace deriva, entrato in nube in quella situazione ha mantenuto la posizione e riacquistata la visibilitÓ apre il paracadute.

La sera precedente il lancio aveva effettuato il ripiegamento, con la convinzione di andare a Campione. Lancio di appena 300mt. pertanto "slieder" bloccato in basso per favorire una apertura immediata e comandi liberi.

Il mattino seguente cambia idea, modifica velocemente il ripiegamento, sistema lo "slieder" per una apertura ad alta velocitÓ ( lancio da 800mt.) e dimentica di infilare nello stesso i comandi.

L'apertura risulta anomala con pi¨ di 90░ verso dx e con forte avanzamento sul pilastro di destra (vista a valle) ove avviene l'impatto. Il paracadute semichiuso accompagna nella caduta il jumper, che dopo un salto di circa 50mt. riesce, seppure ferito a fermarsi sulle rocce sottostanti poco prima di precipitare.

Viene recuperato dalla difficile e pericolosa parete, dal coraggioso equipaggio dell'elicottero di "Trentino emergenza".!! SarÓ ricoverato in ospedale con qualche frattura.