...il vento, le onde e le montagne, sono sempre dalla parte dei navigatori e scalatori più abili.



 BASEITALIA  O.N.L.U.S 

Alpinismo

B.A.S.E. Jump

Delta e 
Parapendio


Manuali

Nautica 

Paracadutismo
in alta Montagna


Paracadutisti 
Trentini

Rassegna stampa/TV

Sci alpinismo

Web master
Bepi Hoffe
r





 

 

 

 

Isola di Lesvos

Mytilene
protetta da tutti i venti. Ampio porto, fondale buon tenitore. Utilizzabile anche un marina non ancora gestito, a sud del porto.
 

14 aprile 2009

Vista del porto interno di Mytilene
 

 

 

 

 


Pecorelle a mezzogiorno, partirai senza ritorno.

vento fresco favorisce l'arrivo al ridosso a nord di Mytilene ...eccoci a Lesbos, isola molto conosciuta per la poetessa Saffo e altri illustri filosofi greci a cui ha dato i natali. E' stato un trasferimento un pò movimentato perchè siamo partiti dall'isola di Oinussa alle otto del mattino e con un buon vento siamo arrivati verso le 16 al porto di Plomarion ma qui non c'era la polizia portuale per fare l'ingresso dalla Turchia ed allora abbiamo dovuto riprendere il mare per il porto di Mitilini, così abbiamo navigato di notte e siamo arrivati verso le 21 ma la dogana era chiusa ed allora non potevamo sbarcare, nel frattempo un forte vento si era alzato ed allora abbiamo dovuto riprendere la navigazione per uscire dal porto e metterci all'ancora a circa tre miglia ....quando finalmente siamo scesi sottocoperta per farci due spaghetti erano le 23,30....ma contenti perchè tutto è andato bene. Questa mattina siamo entrati al porto, fatto le pratiche, mangiato dell'ottimo pesce spendendo in due 19 euro ed ora siamo ben sistemati. Il posto è molto carino, siamo in centro al paese con acqua ed elettricità , tv e stiamo provando a vedere come funziona internet.(Carla)

 

Lesvos tra le più grandi isole dell'Egeo. E' la perla delle Sporadi orientali più verde, più fertile e più imponente del guppo. Raramente le altre isole Greche  sono cosi prosperose, la sua economia si basa sull'agricoltura, sull'industria e sul turismo. Prevalentemente montagnosa, con ampi spazi ed esuberante vegetazione; sia all'interno che a est è coperta da ulivi (le olive sono le migliori di tutta la Grecia) castagni, querce, pini e pioppi, con ampie aree boschive. In pianura vi sono coltivazioni di ortaggi e tabacco. La parte ovest dell'isola è brulla e rocciosa. La costa sud è profondamente intagliata da due golfi molto chiusi. I resti archeologici sono scarsi ma in compenso ha un notevole patrimonio letterario e culturale. Mytilene è il cuore commerciale dell'isola; con un aeroporto internazionale, un porto    che accoglie navi passeggeri, mercantili, grossi pescherecci. Città molto animata; viuzze piene di bancarelle, negozietti, creano una atmosfera simile ad un bazar orientale, pertanto caotica a prima vista, poi diventa gradevole. Il castello di Mytilene

...abbiamo avuto grossi problemi al motore; eravamo arrivati a Mytilene, verso il 10 di aprile; al 23 è arrivato il Carlo proveniente dalla Tailandia; felici e contenti, al mattino della partenza ho controllato il livello dell'olio e, l'astina segnava il triplo di livello! Provo a mettere in moto, bloccato non gira; ipotesi: acqua o gasolio nel motore; estrazione di 12L di olio e di acqua di mare, estrazione degli iniettori, far girare il motore, prima con una chiave poi con il motorino d'avviamento affinché attraverso i buchi degli iniettori esca l'acqua; togliere tubo di scarico e svuotarlo, rimettere iniettori, rimettere olio al 50% con gasolio, sperare che il motore parta,far girare il motore per 10 minuti; ripetere questa operazione tre volte; poi cambiare filtro olio e mettere solo olio. Tutto bene quel che finisce bene...La causa: una minuscola valvola di "riflusso" del sifone della presa a mare dell'acqua di raffreddamento del motore, si è intasata; all'ora quando spegni il Mytilenemotore vi entra acqua di mare. Le conseguenze sono catastrofiche, dopo una settimana con motore fermo rischi seriamente che l'acqua di mare nei cilindri faccia danni, dopo 13 giorni come è capitato a noi è quasi sicuro che devi rifare il motore...ho un angelo custode...e un motore favoloso. La presa a mare del raffreddamento non la chiudo quasi mai, adesso ho pulito la valvolina ma fino a ché non la cambio non mi fido e intanto apro e chiudo. Meccanici non se ne sono visti, l'unico venuto aveva qualche chiave per cambiare l'olio in un sacchetto di nailon trasparente per tale operazione...dava scarsa fiducia con ipotesi strampalate...diceva che sarebbe ritornato dopo che io avevo estratto l'olio...mai più visto. Molto meglio così, per me è stata una bella soddisfazione, ho lavorato giorno e notte... Adesso siamo Mithimna sempre sulla stessa isola. Il posto è molto bello. Abbiamo pensato di cambiare programma: lasciamo la barca su questa isola a Mittilini, al 14 maggio rientro a casa con il Carlo, la Carla fa guardia alla barca, poi potrei rientrare verso i primi di giugno dopo la nascita del nipotino e rientra lei per un'altro mese. Poi proseguiremo per Istambul e in seguito discenderemo la costa Turca. Adesso vedremo come spostare i voli.


 Isola Oinoussa                    Diario di bordo               Segue - Sigri - Kalloni -Loutra