...il vento, le onde e le montagne, sono sempre dalla parte dei navigatori e scalatori più abili.



 BASEITALIA  O.N.L.U.S 

Alpinismo

B.A.S.E. Jump

Delta e 
Parapendio


Manuali

Nautica 

Paracadutismo
in alta Montagna


Paracadutisti 
Trentini

Rassegna stampa/TV

Sci alpinismo

Web master
Bepi Hoffe
r





 

 
Il porto di Fournoi in vista da Nord

Isola di Fournoi

Fournoi

Buon ridosso ma con il Meltemi si instaura un po' di risacca. Fondale: leggero strato di fango su roccia, è difficile trovare dove l'ancora possa agguantare.

Luna seduta,  marinaio in piedi.

02 novembre 2008

Arrivati a Fournoi  abbiamo ormeggiato all’inglese, impensabile in alta stagione, tuttoIl porto di Fournoi è bello e tranquillo alla sera il vento tende a calare; giriamo per il paesino, gli isolani sono cordiali e ospitali,  nelle  trattorie spesso si trova pesce fresco. Ci fermiamo anche il giorno dopo per fare qualche foto e non stressarci a ripartire subito. Intanto ci ambientiamo in questa zona e capiamo sempre di più il Lo stretto passaggio passaggio tra Fournoi e l'isola Fimaina, visto da Sud.meteo locale.
Queste isole si notano in lontananza grazie all'altezza dei scoscesi rilievi. Con forti venti, fortissime raffiche precipitano dai pendii creando mare molto agitato; in tali condizioni, lo stretto passaggio tra Fournoi e l'isola di Fimaima va' dedicata particolare attenzione.
Lo stretto passaggio passaggio tra Fournoi e l'isola Fimaina, visto da Sud.

 

 

Le isole Fournoi e Fimaina, viste da Nord.
 

 

Golfo di EdvhilosIsola di Ikaria

Golfo di Edvhilos
Solo con venti meridionali.

01 novembre 2008

Era previsto un leggero vento da SE e così stamattina alle 09 ora locale, partiamo da Mikonos. La mia salute era precaria, con tanto vento non saremmo partiti. L’occasione giusta per testare anche il motore. Il mare era leggermente increspato, fuori tutta la randa per approfittare di qualche benevolo refolo di vento proveniente da direzioni diverse, fintanto che l’isola era sopravento. Il primo segnale di allerta viene dato sempre dall’impianto eolico che in questo caso aiutato dalla velocità del vento Yenkee e trinchetta alate.relativo si mette in moto. Fuori lo Yenkee e la trinchetta, la barca comincia a filare dai 4.5 ai 5.3 nodi. Kitalpha piatta sul mare, avevamo la sensazione di essere mossi da un silenzioso motore; il mare anche lui piatto, sole caldo poco vento, sicuramente sotto i 10 nodi tranne qualche sbuffata; Chiazze di mare mosso, la barchetta andava dritta perMare piatto, con Yenkee e trinchetta, Kitalpha vola. la sua rotta di 77°- diretta all’isola Ikaria. E’ stata l’occasione  per mettermi sottocoperta a riposare, Carla di guardia anche se non c’era anima viva, passava il tempo a pescare. Per la prima volta ho apprezzato Kitalpha in calma di vento; con il genoa non ho mai avuto queste sensazioni, quelle di muoversi acchiappando e sfruttando al massimo il poco vento disponibile. Faceva tutto lei. Infatti i due fiocchi si aiutavano a vicenda creando l'effetto "Venturi", aumentandone la spinta. A dieci miglia dall’isola il vento è calato completamente, il mare, liscio come olio.  

Golfo di Edvhilos con fondale sabbioso.Ikaria l’isola dove precipitò Ikaro; si sapeva che il vento da S teneva per tutta la notte e parte della giornata diGolfo di Edvhilos oggi. Pertanto abbiamo dato fondo all’ancora sul versante nord dell’isola. L’acqua limpidissima, il fondo sabbioso, ho osservato attentamente come si comportava l’ancora su quel tipo di fondale…perfetta. Alla prova di tenuta pari a venti nodi di vento si era incuneata finendo, coperta di sabbia, più tiri e più penetra. Come detto si era a ridosso pertanto sonniandatura a "farfalla" tranquilli. Al mattino tutto immobile, assoluto silenzio; guardando il fondale, abbiamo individuato sul fondo, un marsupio; prova e riprova con ami, ganci Golfo di Edvhiloszavorrati, ecc. ma niente da fare. Tanto, eravamo in anticipo sulla tabella di marcia, il vento da N sarebbe arrivato dopo mezzogiorno, utile per spingerci - dopo aver doppiato Capo Dhrespanon -(estremità orientale di Ikaria) a Sud verso le isole Fournoi. Infatti così e stato, dopo un poco, il vento è girato e con le vele a farfalla siamo scivolati via insieme.  In queste esperienze di navigazione abbiamo sempre avuto situazioni accettabili e più favorevoli che contrarie, nel senso che se imbrocchi il periodo sbagliato, rimani ad aspettare parecchio. Anche ad Otranto sono passato tre volte e ho sempre preso buone condizioni; Il mio amico Antonio ogni volta che passa da lì, prende una batosta. E’ vero, abbiamo tempo di aspettare.


    Isola di Mikonos                Diario di bordo                 Isola di Patmos